« "L'assunto che l'economia debba sottostarvi" | Home | Psicostoria, equazioni del capitalismo e altre ossessioni »

L'ultimo di Latouche

L'ultimo libro di Serge Latouche (Per un'abbondanza frugale, Bollati Boringhieri, 2012, p. 150) sarebbe, nelle intenzioni, una risposta ai critici. Da questo punto di vista, il risultato è incerto. La risposta consiste generalmente nella drastica negazione della fondatezza della critica ("non è vero che la decrescita è oscurantista e antiscientifica"; "nulla di più lontano della decrescita dal machismo", ecc.), accompagnata immediatamente dal diniego della sua importanza ("ma in fondo, che c'è di male a voler tornare al passato?", "non è forse vero che anche la sinistra/il femminismo/la scienza ha i suoi torti?"), il che già di per sé è un procedimento assai poco sensato. Il peggio però è che, nel prosieguo dei vari capitoletti, Latouche scrive cose che confermano abbondantemente le accuse.

Dopo aver negato che la decrescita sia antiscientifica, per esempio, aggiunge subito: d'altronde, capiamoci, non è che la scienza sia sempre buona e giusta; noi siamo per la scienza buona, ma contro la scienza cattiva; devono essere i cittadini a decidere quali ricerche scientifiche perseguire e quali no: così propone una "moratoria sull'innovazione tecnoscientifica", in quanto la ricerca deve essere "riorientata sulla base di nuove aspirazioni", e entra anche nel dettaglio di quello che si può fare e quello che non si può fare (p. 44-47).

La parte forse più impressionante arriva con la risposta alle accuse di machismo mosse alla decrescita. Latouche. la sua risposta qui è che non la decrescita, ma la crescita e i valori ad essa legati sono maschilisti e fallocentrici, in quanto "le attività non mercantili sono associate ai 'valori' femminili: dolcezza, comprensione, emozione, dono, gratuità" (p. 62). L'idea che il machismo e il fallocentrismo consista proprio nell'individuare "valori" femminili e  maschili, questo a Latouche non viene in mente.

Ci sono altre parti del libro che spiccano per la consueta incompetenza (in particolare, la parte sulle critiche alle teorie di Geourgescu-Roegen sulla seconda legge della termodinamica), ma comunque il libro si segnala soprattutto per la definitiva, esplicita conferma dell'ostilità della decrescita all'Illuminismo, sulle solite vecchie linee di Horkheimer-Adorno. Inoltre, a parte l'idiozia (che Latouche condivide con molta altra gente, peraltro) di usare il termine 'dominante' a man salva, per indicare tutto ciò che non piace, è significativa la ripetuta affermazione che (i) i mali della società vengono in particolare dai conflitti di classe (p. 55),  (ii) che l'obiettivo della decrescita non è un cambiamento delle strutture o delle istituzioni, ma una riforma morale, e (iii) la rivalutazione dei pensatori socialisti utopico-reazionari, dai luddisti a William Morris (p. 86). Infine, l'argomento principale di Latouche usato per rispondere a chi assimila la decrescita alla crescita negativa o alla crisi economica (problema la cui importanza sfugge a chiunque non sia Latouche, sfortunatamente), consiste nel contrapporre chi volontariamente decide di mangiare meno a chi è costretto a mangiare meno dalla povertà (o dalla carestia, ecc.); ma purtroppo, posto che mangiare meno è mangiare meno a prescindere dai moventi, e soprattutto che la vera differenza fra chi sceglie di fare X e chi è obbligato a fare X consiste non nel fatto che l'uno lo fa volentieri e l'altro no, ma nel fatto che chi lo fa per scelta può anche cambiare idea e smettere di farlo mentre l'altro no, la distinzione viene completamente meno nella teoria di Latouche, dato che alla riduzione dei consumi si arriverebbe a fronte della presa d'atto dell'esaurimento delle risorse e delle emergenze ambientali, e quindi a fronte dell'impossibilità di scelte diverse.

Niente di nuovo, insomma.

TrackBack

TrackBack URL for this entry:
http://www.urbiloquio.com/cgi-bin/mt/mt-t.fcgi/182

Commenti

Cos'abbiamo, qui?
Un manuale di critica pregiudiziale e condizionata?
Guarda, per quanti dubbi possa nutrire dopo la lettura di Latouche o Pallante, leggendo stupidi autocompiacimenti come questo, ben intendo che di lá si va, almeno, un po' più vicino a una direzione sensata!...
Continua così, anzi, più forte, si, si, fino al muro...
m.

Matteo | January 28, 2012 11:49 PM

Che roba sarebbe una "critica condizionata"?
Cmq la ragione per cui si scrivono certi commenti mi sfugge.

Luca | January 29, 2012 5:32 PM

Scrivi un Commento


Warning: strftime() [function.strftime]: It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected 'America/Los_Angeles' for 'PDT/-7.0/DST' instead in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 52

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 53

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 54

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 20

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 21

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 22