« Prezzi e politica | Home | Monsieur Vanderputte »

La Vittoria di Bersani

L'aereo descriveva larghi cerchi sopra Ciampino, una pece nera e ondulante ricopriva la metà del terreno di atterraggio.

Civati si chinò verso Bersani ed esclamò mostrandola

- Che folla!

Bersani guardò a sua volta; parlò per la prima dopo la loro partenza da Monaco:

- Sono venuti a rompermi la faccia.

Civati non protestò. Bersani scrollò le spalle:

- Li capisco.

L'aereo si era posato. Bersani uscì faticosamente dalla carlinga e mise il piede sulla scala; era pallido. Ci fu un clamore enorme e le persone si misero a correre, sfondando il cordone di polizia, rovesciando le barriere. Gridavano "Viva la Repubblica!, Viva l'Acqua Pubblica!. Portavano bandiere e bouquets, era la festa.

Bersani si era arrestato sul primo gradino; li guardava con stupore. Si girò verso Civati e disse fra i denti:

- Les cons!

 

Jean-Paul Sartre, "Le Soursis", 30 settembre 1938.

Bersani et Alt, Proposta di Legge - Disposizioni per il governo delle risorse idriche e la gestione del servizio idrico integrato",  16 Novembre 2010

TrackBack

TrackBack URL for this entry:
http://www.urbiloquio.com/cgi-bin/mt/mt-t.fcgi/121

Commenti

vota il 55% degli aventi diritto e repubblica titola "quorum ampio". vabbe'.

mamo | June 14, 2011 8:12 AM

beh mamo considerando che negli utlimi 15 anni si faceva fatica ad arrivare al 25%, 55% mi sembra un risultato eccellente per i pro referendum

roberto | June 14, 2011 10:23 AM

La partecipazione essendo stata 55% > 50%+1 direi che è stata - effettivamente - ampia. No doubt about that. E il si avendo prevalso con 95+%, la vittoria del si è "una valanga di si" all right.

Now what?

Bersani non ha 'tradito' né è diventato meno onesto: è stato sconfitto, secondo me, ed è stato sconfitto dal berlusconismo, quella pratica della politica usata (la parola latina sarebbe "usurpata") come libretto di un'opera mélodrammatica, che invece si è affermato. E' stato sconfitto come Chamberlain o Daladier dal "pacifismo". (Questo è quasi un insulto alla tragedia Europea degli accordi di Monaco, ma ce n'est pas le temps de subtiliser).

Secondo un resoconto qui link, sull'acqua “Ha prevalso il principio di salvare qualcosa all’invadenza del mercato”, il che è esattamente quel mi sembrava fosse il tema, fasullo, pronunciato dai pulpiti, come avevo scritto.

Ora, a parte il "principio", perché naturalmente ai sacerdoti interessa il principio, l'acqua bagnata e le condutture essendo accidenti materiali secondari, e le persone dei fedeli, ieri il Sacro Collegio stesso annunciava trionfalmente che "la Borsa va in anticipo, boom dei titoli delle energie alternative" (link) (come se una Utility non potesse spostare capitale in un mercato, che serve proprio a quello, dall'acqua o dagli impianti nucleari alle energie alternative o ai carciofi o ai dentifrici.

E un commentatore entusiasta che ha capito tutto prefigura "BLOCCARE immediatamente gli ecoincentivi a biogas ed eolico dove palesemente i suddetti fondi finiscono nelle tasche delle banche senza creare energia rinnovabile (che abbia un senso)"; l'energia alternativa essendo "alternativa" nel senso che è prodotta dalla hot air che si alza dai giornali festanti.

Dunque Bersani è stato sconfitto nel momento stesso in cui le sue sole alternative sono state perdere con il 5% ed essere messo fra i berlusconiani, o 'vincere' il diritto di bloccare gli ecoincentivi all'eolico o al biogas e guadagnarsi un posto sul palco del concerto.

Hanno vinto, naturalmente, i PRIVATI. Non solo le vedettes, cineasti, letteratori, presentatori TV, giornali e settimanali e autori satirici, di cui neanche uno è un funzionario dell'Amministazione pubblica o corre il rischio di gestire l'acqua o l'energia, ma i fornitori delle Amministrazioni pubbliche, ma gli investori che allocano capitali sul mercato finanziario, comprese le banche, ma i privati che profittano di rendite fornendo servizi per compensare inefficienze pubbliche, servizi poverissimi di produttività che pagano stipendi commisurati a giovani sui quali il sistema educativo pubblico ha investito capitale che si distrugge...

Un po' meno politica e un po' più mercato del Terzo Mondo e dello show business, e un po' più puerilità.

Now what?

Francesca | June 14, 2011 10:33 AM

Roberto, mamo stava notando semplicemente che una cosa è l'affluenza (57%) e una cosa è il quorum (50%+1). Come fa il quorum a essere "molto ampio"? :))

Luca | June 14, 2011 11:03 AM

posso proporre una discussione?

voi avete votato e cosa e perché?

Se vi va inizio io, prendendola per la lunga.
Infatti per i referendum sull'acqua non avrei voluto votare perché non vivendo in Italia e non prevedendo alcuna possibilità di rientrare nei prossimi 35 anni, mi sembra un caso di voto senza subirne le conseguenze (cioè, mettiamo che il mio voto fosse stato decisivo e la mia decisione catastrofica, io nel ridente granducato non avrei subito nessuna conseguenza della catastrofe).

Ciò detto ho votato, visto che il voto degli italiani all’estero conta per il quorum.
Sull’acqua ho votato due SI. per i motivi di cui sopra, la ragione non ha nulla a che vedere con l’acqua ma potrebbe riassumersi con “fare un dispetto a berlusconi”. So che come argomento non sembra un granché, ma sono certo che il male di avere una legge sbagliata (sempre che sia sbagliata) sull’acqua sia infinitamente minore al male di avere un satiro che fa il giullare come presidente del consiglio, e tutto quello che si può fare per sbarazzarsi di questo mentecatto e della sua cricca intrinsecamente “giusto”.

Sul nucleare, invece ho votato NO con qualche esitazione, ma fondamentalmente perché votare SI vuol dire la chiusura definitiva di ogni discussione sul nucleare per i prossimi vent’anni e dio solo lo sa che mondo avremo tra vent’anni (en passant, la prima dichiarazione del nano è ridicola “ora investiremo nelle energie alternative”! ma chi glie lo ha detto che una esclude l’altra?)

Infine sulla quarta ho votato SI, per eliminare gli ultimi effetti di questa legge ridicola e per delle motivazioni simili a quelle sull’acqua

roberto | June 14, 2011 12:35 PM

Vieni su nel main blog, ci ho fatto un post apposito.

Luca | June 14, 2011 12:39 PM

ci sono vari modi di leggere il risultato.
per esempio si puo' pensare che tutti quelli a favore del si sono andati a votare e tutti quelli per il no hanno giocato la sporca carta dell'(a)buso dell'astensione -tranne quel 5% di masochisti come noi che pero' volevano fare un dispetto a berlusconi.

il punto, per me, e' che e' malato, e' berlusconismo puro, fare delle domande ben precise e poi dare alle eventuali risposte una connotazione del tutto diversa.
hanno votato poco piu' della meta' degli italiani aventi diritto. il quorum e' stato superato, ma non e' ne' ampio -per motivi grammaticali- ne' tantomento si puo' affermare che sia stato superato ampiamente. e' stato superato per un pelo. poi, se si confronta con i referendum precedenti, si puo' dire che la partecipazione e' stata ancora piu' scarsa.

usare poi due domande sulla gestione dei servizi pubblici e mascherarla 1. da guerra a berlusconi 2. da lotta per l'acqua come diritto universale per tutti e' una porcata degna di emilio fede, berlusconi e cicchitto.

il berlusconismo ha proprio stravinto, perche' ormai e' la regola da seguire per "vincere" secondo questi cialtroni, come li chiama giustamente francesca.

mi accorgo di aver riscritto, in stile piu' pedestre, quello che ha scritto francesca poco piu' sopra, ma vabbe' beccatevelo comunque...

mamo | June 14, 2011 4:37 PM

Ed ecco che alcuni nodi cominciano a venire al pettine:
link

Luca | June 24, 2011 12:17 PM

Scrivi un Commento


Warning: strftime() [function.strftime]: It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected 'America/Los_Angeles' for 'PDT/-7.0/DST' instead in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 52

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 53

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 54

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 20

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 21

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/franny/public_html/kkblog/recensioni/inlinestats.php on line 22